Abu Galawa Soraya

Fury Shoals, mar Rosso
In questa zona si trova Abu Galawa Shiwayya (Abu Galawa piccolo) chiamato anche Abu Galawa Soraya o Abu Galawa Seghir, è un reef con all’interno una laguna bellissima. Alla base della barriera, sul suo lato sud-ovest giace sul fondo sabbioso il relitto di una piccola barca a vela.

Esistono varie storie su di esso: è americano ed affondato nel 2002 oppure è l’australiano Endymion naufragato nel 1998. La versione più attendibile è quella di un giornalista inglese che,  verso  la metà degli anni 80, si trovava sulla barca da crociera sub che raccolse il segnale di soccorso di una imbarcazione francese, qui arenata e rovesciata sui coralli mentre stava seguendo la rotta di ritorno in Europa dall’oceano Indiano. Durante una notte fu condotta dal timone automatico alla collisione e per tre giorni nessuno raccolse il suo SOS, in quegli anni poche barche frequentavano queste acque.

Dopo il salvataggio del velista ed il recupero delle cose più importanti il relitto abbandonato, ancora in superficie, fu smantellato dai pescatori locali che recuperarono ogni cosa a loro utile. Poi le onde ed il vento hanno portato lo scafo nella sua posizione attuale. 

Mappa Abu Galawa


Scendiamo dalla barca, ancorata solitamente a sud, e tenendo la parete a destra raggiungiamo il relitto. Lo scafo, pur senza sovrastrutture è molto pittoresco e fotogenico con l'interno popolato di pesci vetro. Il ponte ormai dissolto consente alla luce tagli particolari.

Continuando con il reef a destra raggiungiamo un canalone a circa  15 metri di profondità,  sembra cieco ma salendo a 6 metri troviamo l’accesso alla laguna. Scendendo nel catino interno  troviamo forse il più bel giardino di corallo di questo mare, ho avuto la fortuna di immergermi qui con solo due amici ed una visibilità incredibile: si vedeva tutto il perimetro di questa piscina naturale. Altri due passaggi ad est del reef, consentono il ritorno alla barca tenendo la parete a destra e completando cosi il giro. 

 

Log Abu Galawa Soraya

 

 Relitto di Abu Galawa