Aka Tienstien

Abu Galawa, mar Rosso
L'immersione sul relitto dell'Aka Tienstien (o Tien Hsing) è forse la più semplice possibile al mondo, ma questo non ne pregiudica il piacere. Accessibile anche agli open, il "ferro" avvolto dai coralli soddisfa comunque ogni tipo di subacqueo.

Aka Tienstien

Caratteristiche della nave

Tipo nave: rimorchiatore

Nazionalità: Inglese

Cantiere: Ta Chung Hua Shipyards di Shanghai

Data costruzione: 1935

Data affondamento: 26 ottobre 1943

Lunghezza: 35 metri

Larghezza: 4 metri

Stazza: 269 tonnellate
 
Elica: tre pale

Il rimorchiatore fu costruito nel 1935 a Shanghai dalla Ta Chung Hua Shipyard  per la Tientsin Navigation. Misurava 35 metri di lunghezza per 4 metri di larghezza, la sua stazza di 269 tonnellate era mossa da un motore a vapore. Usato per movimentazione leggera tra Taku Bar e Shanghai, venne preso in forza dalla Royal Navy per essere impiegato nella zona di Suez. Curiosamente è rimasto iscritto al Registro Navale dei Lloyd's di Londra sino al 1990.

Il 26 ottobre 1943 l'Aka Tienstien era in viaggio tra Suez e Massaua sotto bandiera inglese, per cause ignote andò ad urtare il reef procurandosi una grossa falla a prua ed affondò adagiandosi sulla parete sottostante.

Il relitto

Il relitto è facilmente individuabile anche dalla barca grazie alla punta della prua affiorante ed appoggiata al reef, lo scafo segue il pendio fino ad una profondità di circa 16 metri dove troveremo la poppa con l’elica parzialmente affiorante dal pianoro sabbioso.
Il profilo è caratterizzato da un cassero nel quale si trova la cabina di comando, alla quale si accede con una porta posta sul lato destro. Subito dietro è ubicata la cabina del comandante con annessa toilette, oggetto sempre di fotografie ormai classiche…..

Questo sito è nel sud del mar Rosso, tra Ras Bananas e Ras Qulan, nel reef di Abu Galawa e spesso viene usato per le check-dive dalle crociere dirette a Saint John, con possibilità di successiva notturna. 
Occorre pianificare bene l’orario di immersione tenendo conto della eventuale presenza di altre barche, per evitare un affollamento eccessivo.
Si può scendere direttamente dal gommone, ma il modo più bello è percorrere sott'acqua la distanza dall’ormeggio della propria barca per godere la gradevole parete. La bassa profondità e la quasi garantita mancanza di corrente consentono una piacevole e lunga percorrenza subacquea. 

Purtroppo è accessibile anche dalle imbarcazioni dei giornalieri, che a volte scaricano in acqua numerosi snorkelisti vista la perfetta visibilità del relitto anche dalla superficie.

 

Video Aka Tienstien
Clicca per visualizzare su Youtube


Il migliore punto di osservazione globale del relitto è dalla zona poppiera, rimanendo in acqua libera o allontanandosi di qualche metro appoggiandosi poi sul fondo. Da qui si ha una perfetta visuale dello scafo appoggiato alla parete.
L’aspetto è quello di un classico rimorchiatore ed è ben conservato nella struttura principale. E’ possibile accedere anche alla sala macchine facendo attenzione a non sollevare il sedimento presente ovunque.
La parte più interessante è però quella esterna totalmente concrezionata di coralli e con una ricca presenza di pesce di barriera. Il momento migliore per apprezzare l’immersione è al pomeriggio quando il relitto ha la luce migliore, per poi verso il tramonto prendere caldi colori rossastri.

 

Log Aka Tienstien